È davvero necessario risciacquare gli imballaggi in alluminio, in plastica, in tetrapak e in vetro prima di gettarli nel contenitore apposito?
Risciacquare gli imballaggi che hanno contenuto alimenti liquidi o solidi, prima di immetterli nell’apposito contenitore della raccolta differenziata, serve a evitare la creazione di cattivi odori all’interno del contenitore stesso oltre che a limitare gli scarti della raccolta differenziata, aumentandone la qualità.
È vero che fare la raccolta differenziata è inutile, tanto viene gettato tutto insieme?
Non è vero: tutti i rifiuti raccolti da Rap nelle raccolte differenziate – stradale, domiciliare, attraverso iniziative speciali e nelle postazioni mobili – sono consegnati agli impianti di selezione identificati dai consorzi nazionali, per essere successivamente inviati alle filiere di recupero o agli utilizzatori finali. In questo modo, il rifiuto diventa una risorsa.
Come posso ottenere l’affidamento della compostiera?
E’ possibile richiederlo contattando l’azienda Palermo Ambiente S.p.A. www.palermoambientespa.it

 

Cosa devo fare per sbarazzarmi dei materiali ingombranti (es. mobili ed elettrodomestici)?
E’ possibile richiedere il servizio gratuito di ritiro al piano stradale del domicilio, registrandosi on line nell’apposita sezione o tramite numero verde gratuito 800237713,  o registrandosi su www.rapspa.it. In alternativa i cittadini possono utilizzare le isole ecologiche mobili dislocate nelle otto circoscrizioni cittadine. Sia il conferimento degli ingombranti senza prenotazione sia l’abbandono sul suolo pubblico sono vietati, punibili e perseguibili per legge.
Devo staccare le etichette dai contenitori di vetro e plastica-metalli?
No, non occorre staccare le etichette di carta dalle bottiglie di plastica, vetro e banda stagnata. Gli impianti di riciclaggio lo fanno automaticamente.
Dove posso avere informazioni relative alla tassa rifiuti?
Sul sito internet del Comune di Palermo è possibile trovare tutte le informazioni relative al pagamento della tassa:
Ufficio Tributi http://www.comune.palermo.it/tributi.php
Telefono: 091 6168139
lunedì, martedì, giovedì, venerdì
dalle ore 9,00 alle ore 13,30
mercoledì
dalle ore 15,00 alle ore 17,30
servizionline@comune.palermo.it
Per qualsiasi informazione sui nostri servizi, contattare il nostro URP urp@rapspa.it o il numero verde 800 237713.
Dove vanno gettate le lettiere di animali domestici?
Vanno gettate nei materiali non riciclabili. 
Dove vanno gettati gli oggetti di plastica che non sono imballaggi?
Gli oggetti in plastica, diversi dagli imballaggi, NON vanno nel contenitore giallo per la raccolta stradale degli imballaggi di plastica e non devono nemmeno essere inseriti nei sacchi della plastica  raccolta tramite il servizio “porta a porta”. I giocattoli possono essere conferiti nel contenitore per gli indumenti usati; gli oggetti di grandi dimensioni vanno trattati come rifiuti ingombranti. Per conoscere la corretta destinazione finale di altre tipologie di rifiuti, vai alla guida “Questo dove lo getto?“.
Dove vengono portati i rifiuti raccolti?
I rifiuti raccolti in modo separato vengono consegnati alle piattaforme convenzionate con i Consorzi Nazionali di filiera, che garantiscono l’avvio a riciclo delle varie frazioni dei materiali. Per conoscere gli impianti di recupero nei quali vengono portati i materiali differenziati raccolti a Palermo, vai nella sezione Il Riciclo dei materiali.
I contenitori del latte in cartone tipo tetra pak sono recuperabili?
I cartoni per bevande (quali i contenitori Tetra Pak) sono composti prevalentemente da carta, accoppiata a sottili strati di plastica ed alluminio. Da qualche anno gli impianti di riciclaggio sono in grado di separare i vari strati, e, nel comune di Palermo, questi imballaggi, adeguatamente sciacquati, possono essere raccolti con la carta.
Per conoscere la corretta destinazione finale di altre tipologie di rifiuti, vai alla guida “Questo dove lo getto?“.
Il bidone carrellato del mio condominio  è inutilizzabile perché rotto; come posso segnalare il problema?
Scrivi all’URP urp@rapspa.it o telefona al Numero Verde Rap 800.237713.
L’URP è a disposizione anche per segnalazioni su rifiuti abbandonati su suolo pubblico e discariche abusive.
La raccolta differenziata è attiva su tutta Palermo o solo nelle zone in cui è presente il porta a porta?
La raccolta differenziata è attiva su tutta la città di Palermo: è sbagliato pensare che solo nelle aree servite dal servizio porta a porta sia possibile differenziare i rifiuti.
Le attrezzature messe a disposizione dei cittadini per svolgere una corretta raccolta differenziata sono diverse nelle dimensioni e nel posizionamento, ma sono identiche per colori e operatività:
  • contenitori di grosse dimensioni posti su strada, solitamente raggruppati in ecoisole in cui sono presenti le diverse frazioni, per la raccolta differenziata stradale;
  • contenitori di piccole dimensioni posti nei cortili o nelle pertinenze condominiali, strettamente riservati a specifiche utenze, per la raccolta differenziata porta a porta.
Posso immettere ogni tipologia di carta nella raccolta differenziata di carta e cartone?
In generale, ogni tipologia di carta stampata deve essere conferita, utilizzando esclusivamente sacchetti in cartoncino, nei contenitori per la raccolta di carta e cartone, a esclusione di:
  • carta argentata – confezioni dell’uovo di Pasqua
  • carta da forno
  • carta oleata e per alimenti
  • cartoni delle pizze sporchi di residui organici, laddove il peso del residuo sia superiore al peso del cartone
Tali rifiuti devono essere gettati nel contenitore dei rifiuti non recuperabili.
Per una raccolta di carta e cartone di qualità, segui i consigli di COMIECO. Per conoscere la corretta destinazione finale di altre tipologie di rifiuti, vai alla guida “Questo dove lo getto?“.
Quali rifiuti posso mettere nella raccolta dell’organico, attiva nelle aree “porta a porta” o “Prossimità,” o utilizzare per un buon compost domestico?
Nella frazione dell’organico, o per effettuare il compostaggio domestico, si possono immettere alimenti avariati, scarti di verdura e frutta, fondi di caffè e filtri di the, potature, ramaglie, paglia, foglie secche, erba, fiori recisi, pezzi di cartone, trucioli, segatura, tovaglioli bianchi, gusci di frutta secca, cenere di legna, terriccio da vaso. Alcuni materiali possono essere immessi nel compostaggio ma solo in dosi ridotte e in pezzi piccoli come carne cotta o cruda, ossa, pesce, olio e grassi, guscio d’uova.
Nella frazione organica non vanno gettati carta patinata, legno trattato, tessuti, vernici, vetro, alluminio, acciaio, plastica, pile, pannolini, pannoloni, filtri di sigarette.
Quali rifiuti si possono conferire nei cassonetti per i rifiuti urbani “indifferenziati” (Raccolta indifferenziata)?
Nei cassonetti per la raccolta dei rifiuti urbani indifferenziati non vanno immessi tutti i rifiuti recuperabili tramite la raccolta differenziata, come carta e cartone, imballaggi di vetro, metallo, plastica, rifiuti pericolosi quali pile e farmaci, rifiuti ingombranti e da apparecchiature elettriche ed elettroniche, indumenti ed accessori usati. I rifiuti vanno conferiti in sacchi ben chiusi, è vietato immettere rifiuti liquidi o incandescenti (Regolamento per la Gestione dei Rifiuti Urbani del Comune di Palermo). (Vai alla sezione Raccolta indifferenziata)
Quali sono gli orari di conferimento degli imballaggi della raccolta differenziata?
Diversamente dagli orari di conferimento per i rifiuti indifferenziati il conferimento dei rifiuti differenziati può essere effettuato in qualsiasi fascia oraria ed in qualsiasi giorno della settimana.
Quali sono gli orari di conferimento dei rifiuti urbani “indifferenziati” (Raccolta indifferenziata)?
I rifiuti vanno conferiti dal lunedì al sabato, dalle ore 18.00 alle 22.00 nel periodo dell’anno in cui è in vigore l’ora legale, dalle 17.00 alle 22.00 nel periodo dell’anno in cui è in vigore l’ora solare. (Ordinanza Sindacale n. 16 del 9/01/2004). E’ vietato gettare i rifiuti di domenica, giorno in cui il servizio di raccolta rifiuti è sospeso (vai alla sezione Raccolta indifferenziata).
Quali sono le responsabilità del cittadino in quanto produttore di rifiuti?
L’utente è individuato dalla Legge come produttore dei rifiuti (articolo 183, comma 1, lettera b, del D. Lgs. 152/2006). L’utente è considerato proprietario e responsabile dei materiali  sino al momento della loro esposizione finalizzata alla raccolta. In quanto tale, la Legge gli riconosce l’onere della custodia temporanea presso l’abitazione o aree private esterne idonee. La possibilità di depositare temporaneamente i rifiuti su aree private soggette a uso pubblico è riservata alle sole ipotesi in cui lo spazio privato dell’utenza produttrice risulti inesistente o non adatto e tale requisito sia accertato dal Comune o dalla RAP.
Tutti i rifiuti sono differenziabili?
Non tutti i rifiuti sono differenziabili: in questo caso si parla di rifiuti non recuperabili o indifferenziati, che devono essere conferiti nei cassonetti per i rifiuti indifferenziati o nella frazione del “secco non riciclabile”.
Si tratta, ad esempio, di: assorbenti igienici e pannolini, carta da forno e oleata, calze di nylon, cerotti, cialde del caffè in plastica, cocci e oggetti in ceramica, fotografie e pellicole, grucce appendiabiti in plastica, lamette da barba e rasoi usa e getta, lampadine a incandescenza, mozziconi di sigaretta e sigari, ombrelli, radiografie, salviette umidificate, siringhe, spazzole e spazzolini da denti, spugne sintetiche, zerbini e in genere tutto ciò che non è imballaggio o che è formato da materiali diversi, non facilmente separabili. Per conoscere la corretta destinazione finale di altre tipologie di rifiuti, vai alla guida “Questo dove lo getto?